Educare con la poesia

2022-10-24 16:02

Francesca Aimi

Proposte educative per persone anziane a Bologna, #invecchiamento #anziani #invecchiamentoattivo #poesia #letturapoesie #tempolibero #tempoliberoanziani #anzianibologna,

Educare con la poesia

Attività riflessive: leggere poesie ad alta voce

 

 

 

 

 

 

 

Care lettrici e cari lettori,

 

benvenuti nel mio BLOG, che sarà dedicato a presentare, anche attraverso degli esempi, le mie proposte educative per minori, anziani e famiglie e ad approfondire diverse tematiche ad esse collegate.

 

Iniziamo con alcune domande che possono essere per voi uno spunto di riflessione:

 

- Passate molto tempo davanti alla televisione e vorreste fare qualcosa di diverso nel vostro tempo libero?

- Vivete momenti di noia, malessere e /o solitudine?

- Vorreste trascorrere del tempo di qualità con altre persone?

- Sentite il bisogno di fare delle attività che potrebbero migliorare la qualità delle vostre giornate?

 

Vi invito a dare un'occhiata alle mie proposte educative per anziani.

 

POSSIAMO PARLARNE DURANTE UN COLLOQUIO DEDICATO, IL PRIMO INCONTRO E’ GRATUITO E SENZA IMPEGNO.

 

-> Queste attività sono rivolte agli anziani, ma anche gli amici e i familiari possono contattarmi per ricevere maggiori informazioni.

 

In questo primo articolo spiegherò perché ho scelto di inserire LA LETTURA DI POESIE tra le attività proposte.

pexels-moe-magners-5336037.jpeg

La lettura di poesie è un’attività alla portata di tutti, perché chi non riesce o non ha voglia di leggere davanti ad altre persone può anche solo ascoltare.

-> Ognuno può partecipare a proprio modo senza la paura di sbagliare o di essere giudicato e il contributo di ciascuno ha la propria specificità e valore.

L'esperienza di leggere una poesia non si esaurisce nel momento dedicato alla lettura, ma è il punto di partenza per riflettere, commentare il testo, provare ed esprimere emozioni, sentimenti, riportare ad altri i propri ricordi o le proprie speranze...

 

Leggiamo insieme poesie!

 

- Per un invecchiamento attivo;

- per riflettere e apprendere qualcosa di nuovo;

- per stimolare la memoria e il linguaggio;

- per migliorare la capacità di prestare attenzione;

- per riattivare la voglia di ascoltare gli altri e di essere ascoltati;

- per apprezzare le pause e i silenzi;

- per svegliare la curiosità e il pensiero creativo;

- per partecipare alla costruzione di un’esperienza unica attraverso il dialogo con gli altri.

pexels-andrea-piacquadio-3789170.jpeg

La poesia ci fa incontrare il mondo

 

Nell’introduzione al libro Abitare poeticamente il mondo di Christian Bobin, Sara Costanzo scrive che la poesia è un modo di relazionarsi al mondo che permette alle cose, alle persone, agli eventi di mostrarsi a noi.

La poesia si può trovare dappertutto: nei momenti e nei luoghi di gioia come in quelli di dolore, nella nascita o nella malattia, nella tempesta o in un filo d’erba illuminato dai raggi solari.

La poesia può mostrarci tanti aspetti della vita, anche i più nascosti.

La poesia ha una forte funzione creatrice e può avvicinarci a una postura più contemplativa, meno utilitaristica, per ritrovare una connessione essenziale con la realtà, per capire che siamo chiamati ad abitare questo mondo, non maltrattarlo, sottometterlo, dominarlo. Possiamo prenderci cura del pianeta Terra, dobbiamo solo cambiare il nostro modo di guardare… (1)

pexels-shvets-production-7545345.jpeg

La lettura fa vivere il testo scritto

 

La lettura e la scrittura sono strettamente connesse: affinché un testo possa vivere è indispensabile un gesto umano. L’incontro tra lo scritto e il lettore dona un senso a quelli che altrimenti sarebbero solo dei segni neri su un foglio di carta.

Si legge soprattutto da soli, ma si può anche leggere insieme agli altri, in un’atmosfera di ascolto e condivisione.

Leggere insieme poesie è un gesto semplice ma ricco di significati: può favorire sia gli scambi umani sia un percorso di ricerca e crescita personale. (2)

Per leggere si usa la voce e quella di ogni persona è unica, come l’impronta digitale. La voce è un modo di relazionarsi, che si modifica e trasforma in base ad affetti ed emozioni ed è in grado di produrre cambiamenti profondi in noi stessi e negli altri.  La riflessione sull’uso della voce è un’occasione di educazione alla scoperta delle differenze (3) e le caratteristiche particolari di ciascuno possono emergere più facilmente in uno spazio di ascolto dedicato...

Note
 

1 C. Bobin, Abitare poeticamente il mondo, AnimaMundi, Otranto (Lecce), 2019, pp.7-14.

2 C. Mustacchi, Educazione poetica. Dalle teorie della narrazione all’esperienza della poesia, Unicopli, 2020, p.211.

3 I. Gamelli e C. Mirabelli, Non solo a parole. Corpo e narrazione nell’educazione e nella cura, Raffaello Cortina, Milano, 2019, pp. 144-145.


Bibliografia


Bobin C., Abitare poeticamente il mondo, AnimaMundi, Otranto (Lecce), 2019

Gamelli I., Mirabelli C., Non solo a parole. Corpo e narrazione nell’educazione e nella cura, Raffaello Cortina, Milano, 2019

Mustacchi C., Educazione poetica. Dalle teorie della narrazione all’esperienza della poesia, Unicopli, 2020

 

pexels-huỳnh-đạt-2177482.jpeg

-> Per ulteriori informazioni sul mio lavoro, domande o commenti agli articoli, trovate tutti i contatti nel mio sito web.

Dott.ssa Francesca Aimi

educatrice professionale socio-pedagogica

 

Telefono: 389 2463163

Email: info@francescaaimi.it

PEC: francesca.aimi@pec.it

Sede: via Gaspare Nadi 6/D, Bologna

P.IVA: 03921581207

Logo realizzato da elisaroselli.it