I giochi, tra passato e presente

2023-03-14 16:16

Francesca Aimi

Proposte educative per persone anziane a Bologna, #giochi #anziani #invecchiamentoattivo #tempolibero #anzianibologna #educazione ,

I giochi, tra passato e presente

riflessioni, attività e divertimento in compagnia

patience-games-g8be1bc22c_1920.jpeg

Care lettrici e cari lettori,

 

  • che posto occupa il gioco nelle vostre vite? E nei vostri ricordi?
  • Rispetto a quali giochi vi piacerebbe confrontarvi con altre persone?

 

Durante le attività laboratoriali che propongo alle persone anziane, tra le tematiche che si possono affrontare insieme c’è anche il confronto sui giochi, sia i giochi di una volta sia quelli del presente (di cui si ha o meno esperienza diretta).

 

  • Approfondire, dedicare tempo a qualcosa per me significa dargli valore;
  • condividere pensieri, parole, ricordi ed emozioni con altre persone può favorire la socializzazione, grazie al confronto e alla conoscenza degli altri;
  • esprimere se stessi, attivarsi, creare o scoprire qualcosa di nuovo durante delle attività dedicate può far nascere la voglia di essere più creativi nel presente e propositivi per il futuro, anche nella propria vita privata.

 

Per avere ulteriori informazioni su chi sono e sul mio lavoro nel campo educativo potete contattarmi o navigare nel mio sito web e scoprire di più su attività per bambin*, ragazz*, persone anziane e famiglie.

Giocare per conoscere il mondo

 

Quello che si impara da piccoli può essere molto importante per fronteggiare anche in seguito la vita in maniera coraggiosa e creativa. (1)

Attraverso il gioco, il bambino piccolo può 

 

  • costruire la propria conoscenza del mondo,
  • rafforzare le proprie competenze affettive, relazionali e cognitive.

 

Il gioco è un tipo di esperienza che può

 

  • aiutare a scoprire la vita e a cambiare punto di vista, 
  • favorire la crescita, la formazione e lo sviluppo.

 

Un atteggiamento ludico verso la vita quotidiana può portare maggiore allegria nelle nostre vite e può aiutarci a far convivere due diversi atteggiamenti nei confronti del quotidiano:

 

  • l’essere davvero coinvolti in quello che si fa;
  • sapere che si agisce in una realtà parziale, relativa, limitata… (1)
play-stone-g22e84468d_1920.jpeg

Quali giochi ricordate?

 

In un libro scritto negli anni ’70, intitolato “I giochi dei bambini” di Arnold Arnold, l’autore descrive numerosi giochi:

 

  • il mondo, 
  • il salto con la corda, 
  • moscacieca, 
  • correre col cerchio, 
  • guardie e ladri, 
  • giochi con la palla, con le biglie, con i bottoni, 
  • giochi di salti e saltelli, 
  • di corsa, 
  • di rincorsa e cattura, 
  • di parole, 
  • giochi con i numeri, 
  • giochi per festicciole, 
  • giochi strategici… 

 

Quanta storia, anche oltre le nostre singole vite, può racchiudere ogni gioco!

 

Il gioco delle biglie, ad esempio, pare abbia le sue origini nell’antica Roma, ma al posto delle biglie, all’inizio, si usavano delle nocciole. Quando questi giochi divennero più popolari, furono create delle biglie speciali, prima di pietra e terracotta, poi di marmo, agata e vetro. (2) Questo gioco è rimasto popolare fino ad oggi.

 

“Il gioco delle biglie richiede una certa dose di abilità e concentrazione - se ne scorgono i prodromi nel ragazzino steso a terra, la biglia nella mano, in attesa di ritirare, gli occhi fissi al bersaglio, il collo irrigidito, il mento in fuori, i denti che mordono il labbro inferiore.” (3)

Cosa suscita in voi questa breve lettura?

marbles-g3ef9a7995_1920.jpeg

Approfondire, ricercare, vivere

 

Credo che esplorare insieme

 

  • la storia dei giochi, 
  • la propria storia attraverso i giochi,
  • l’utilità, il valore, i limiti e le potenzialità dei giochi

 

possa essere un’attività molto educativa.

 

Uno dei significati dell’etimologia del termine educare infatti è “trarre fuori”.

 

L’educatore è una figura professionale che aiuta a trarre fuori. 

 

  • Che cosa?

 

Le potenzialità delle persone, dei giochi … e della vita stessa.

 

Note bibliografiche

1 Fare per crescere. Laboratori metodo Munari®. Giochi, RCS Media Group S.p.A., Milano, 2021. (LE INIZIATIVE DEL CORRIERE DELLA SERA N°3 DELL’11/9/2021), p.4

2 Gianfranco Staccioli, Il gioco e il giocare. Elementi di didattica ludica, Carocci editore, Città di Castello (PG), 2021, pp.160-161.

3 Arnold Arnold, I giochi dei bambini, Oscar Mondadori, Milano, 1980, pp.66-277-289.

4 Ibidem, p. 67.

 

Bibliografia

Arnold A., I giochi dei bambini, Oscar Mondadori, Milano, 1980

Fare per crescere. Laboratori metodo Munari®. Giochi, RCS Media Group S.p.A., Milano, 2021 (LE INIZIATIVE DEL CORRIERE DELLA SERA N°3 DELL’11/9/2021)

Staccioli G., Il gioco e il giocare. Elementi di didattica ludica, Carocci editore, Città di Castello (PG), 2021

 

spinning-top-gf85859af2_1920.jpeg

Note d'autore

Per usare i testi degli articoli frutto del mio lavoro o le fotografie scattate da me, cioè quelle che inserite nel sito riportano la mia firma, siete pregati di citare la fonte, grazie.

 

> Per ulteriori informazioni sul mio lavoro, domande o commenti ai miei articoli, trovate tutti i miei contatti nel mio sito web..

Dott.ssa Francesca Aimi

educatrice professionale socio-pedagogica

 

Telefono: 389 2463163

Email: info@francescaaimi.it

PEC: francesca.aimi@pec.it

Sede: via Gaspare Nadi 6/D, Bologna

P.IVA: 03921581207

Logo realizzato da elisaroselli.it