Educazione autunnale

2022-10-26 11:56

Francesca Aimi

Proposte educative per persone anziane a Bologna, #invecchiamentoattivo #anziani #anzianibologna #tempolibero #autunno #laboratorimanuali #laboratoricreativi #aiutoanziani #sostegnoanziani #benessereanziani #tempochelibero,

Educazione autunnale

Attività manuali e creative: gli elementi naturali

 

 

 

 

 

 

Care lettrici e cari lettori,

 

benvenuti o bentornati nel mio BLOG. .

 

-          Sentite il bisogno di distrarvi dalle fatiche quotidiane?

-     Avete voglia di mettervi in gioco e confrontarvi con altre persone?

 

Vi invito a dare un'occhiata alle mie proposte educative per anziani e famiglie.​

 

-> Queste attività sono rivolte agli anziani, ma anche gli amici e i familiari possono contattarmi per ricevere maggiori informazioni.

 

In questo articolo presenterò alcune ATTIVITÀ MANUALI E CREATIVE PER ANZIANI che possiamo fare insieme.

pexels-katya-3274915.jpeg

MANUALITÀ E CREATIVITÀ

 

Fare delle attività manuali può essere sia un bel modo per impiegare il tempo, ad esempio durante una giornata piovosa, sia un'occasione per scoprire qualcosa di nuovo su se stessi, anche grazie alla relazione con gli altri.

Attraverso la realizzazione di manufatti si può sviluppare una maggiore concentrazione e si può utilizzare il pensiero creativo. Agire sugli oggetti per trasformarli può risvegliare la voglia di attuare cambiamenti nella propria vita e aiutare a guardare vecchi problemi attraverso nuovi punti di vista.

pexels-wallace-chuck-3728085.jpeg

Le attività manuali e creative che si possono fare insieme sono molte e di vario tipo.

Qui introduco degli esempi di attività che comportano l’utilizzo in maniera creativa di alcuni semplici elementi che possiamo raccogliere in natura.

Nei nostri orti e giardini (o in quelli di amici e parenti), nei parchi e nei sentieri della città durante la stagione autunnale, infatti, possiamo trovare diversi componenti che si sono staccati naturalmente dalla loro origine, come le foglie, le castagne matte, le ghiande, le pigne e i rametti caduti dagli alberi.

 

Partecipare alle esperienze educative che comportano l'osservazione, la raccolta e la manipolazione di elementi naturali può essere un'occasione per

 

-          confrontarsi e interagire con la natura e con altre persone;

-          usare i diversi sensi (vista, tatto, odorato, udito);

-          sperimentare nuove forme espressive e modalità differenti per connettersi con l'ambiente naturale.

 

La raccolta e la manipolazione di questi elementi, inoltre, possono essere viste come una metafora: a volte nella vita può bastare poco per riscaldarci il cuore, magari quello che ci serve ce l’avevamo vicino e non ci rendevamo conto del suo valore, anche perché, spesso, il valore è dato dall’incontro…

pexels-cottonbro-5585287.jpeg

Il fascino dell’autunno

 

L’autunno porta in sé qualcosa di magico: è riservato, meditativo e pare così lontano dall’agitazione estiva. Questa stagione ci chiama ad ammirare la bellezza della natura che, in attesa dell’inverno, si colora di tinte affascinanti e sfumature oro, arancioni, rosse, capaci di portare calma e serenità in chi le osserva. (1)

Le vere protagoniste dell’autunno sono le foglie, dei soggetti meravigliosi che se osservati con attenzione possono rivelare la loro grande varietà. Per comprendere la ricchezza di queste osservazioni è opportuno guardare bene, liberi dai pregiudizi e pronti a cogliere i dettagli, i colori e i movimenti.

Le foglie si trovano un po’ dappertutto, ma spesso sono trascurate e quelle cadute che restano a terra vengono viste con un certo fastidio, perché sono numerose, invadenti, portatrici di sporco e disordine e, per questo, da rimuovere più presto. Si rischia spesso di dimenticare che le foglie sono davvero importanti per la nostra vita.

In ambito educativo le foglie sono fonte di numerosi stimoli e possibilità: sono sorgente di variazione, mutevolezza, inventiva, eleganza e curiosità.

È facile incontrare le foglie lungo il proprio cammino, ma la semplicità o la frequenza di un incontro non dovrebbe sminuire la straordinarietà di questo elemento naturale. (2)

Lasciamoci quindi stupire dalle piccole cose, ad esempio dalle venature di una piccola foglia (3) caduta da un albero, in autunno…

 

Note
 

1 F. Vizioli (A cura di), Autunno. Vita e cucina di stagione, Slow Food, Iolo (Po), 2020, p. 7.

2 M. Guerra (A cura di), Materie intelligenti. Il ruolo dei materiali non strutturati naturali e artificiali negli apprendimenti di bambine e bambini, Junior, Italia, 2017, pp. 131-132.

3 B. Restelli, Giocare con la natura. A lezione da Bruno Munari, Le Comete FrancoAngeli, Milano, 2019, p. 45.

 

Bibliografia

 

Guerra M. (A cura di), Materie intelligenti. Il ruolo dei materiali non strutturati naturali e artificiali negli apprendimenti di bambine e bambini, Junior, Italia, 2017

Restelli B., Giocare con la natura. A lezione da Bruno Munari, Le Comete FrancoAngeli, Milano, 2019

Vizioli F. (A cura di), Autunno. Vita e cucina di stagione, Slow Food, Iolo (Po), 2020

pexels-matthias-groeneveld-3021635.jpeg
Nei prossimi articoli presenterò degli esempi concreti di attività manuali e creative, continuate a seguire questo blog e la mia pagina facebook per scoprirli!
 
-> Per ulteriori informazioni sul mio lavoro, domande o commenti ai miei articoli, trovate tutti i miei contatti nel mio sito web.

Dott.ssa Francesca Aimi

educatrice professionale socio-pedagogica

 

Telefono: 389 2463163

Email: info@francescaaimi.it

PEC: francesca.aimi@pec.it

Sede: via Gaspare Nadi 6/D, Bologna

P.IVA: 03921581207

Logo realizzato da elisaroselli.it